6T3A5515.png

ASCESA

Un fluire denso attornia un occhio di pietra preso nell’atto di muoversi controcorrente e attraversare una fiumana impetuosa.

 

La massa in caduta libera acquisisce un suo moto autonomo in un lento, difficile, ma emancipato cammino alternativo.

Le spirali ascendenti di tonalita' falbe, fredde e neutre – ricorrenti nei lavori di Sperolini – rappresentano un elemento fondante di questa opera, che chiude il dittico che la collega alla tavola Meteora.

Le cose procedono verso la loro direzione, ma perche' l’individuo non si lasci plasmare passivamente da questo flusso deve sviluppare un estro proprio, esibire la forza della sua volonta' e affrontare l’ambiente che lo circonda senza farsi ostacolare.

Per chi non si arrende a seguire una corrente omologata, la vita e' una scalata – faticosa ma gratificante – nell’affermazione della propria individualita'.